TerraSanta2016Ecco la “fotografia” della comunità seminaristica, nelle sue articolazioni e con le sue attività e proposte e, pur con brevi cenni, alcune significative esperienze dei mesi scorsi. Con una prospettiva molto semplice: creare una relazione di conoscenza del Seminario, con il conseguente desiderio di starle vicino, con l’affetto, la stima, l’aiuto (magari anche con la critica costruttiva) perché sia sempre più fedele alle sue alte finalità: formare preti preparati e ricchi di virtù per essere pastori buoni e credibili nella comunità cristiana del nostro tempo. Le ragioni non mancano perché tutta la comunità cristiana sia grata al seminario.

Ma il Seminario va amato e sostenuto anche per quello che è nel presente. Una comunità di 50 giovani che, dalle superiori alla VI teologia, sono in cammino vocazionale.

Non basta che giungano con le carte in regola all’ordinazione: serve che giungano con la più profonda comunione nella loro Chiesa e per la loro Chiesa. Allora non si tratta solo di una questione che riguarda loro e il drappello di preti che li formano. La comunione nella Chiesa riguarda tutti. Riguarda tutti, con quella attenzione che Papa Francesco raccomanda al numero

214 dell’Enciclica Laudato Sì: “Spero che nei nostri seminari e nelle case religiose di formazione si educhi ad una austerità responsabile, alla contemplazione riconoscente del mondo, alla cura per la fragilità dei poveri e dell’ambiente...Grande è la posta in gioco...abbiamo bisogno di controllarci e aiutarci l’un l’altro.” La Giornata del Seminario serve a prendere questa coscienza: controllarci e aiutarci l’un l’altro. Ovviamente non si tratta del controllo poliziesco, ma di quella premurosa vigilanza che hanno i genitori verso i figli perché crescano bene. In un certo senso i seminaristi sono figli di tutta la comunità cristiana.

Studio teologico ‘Paolo VI’

Fotogallery

CONTATTI

Seguici su Facebook

Seminario Diocesano "Maria Immacolata"

Via delle Razziche, 4

25128 Brescia

info@seminariobrescia.it

030 7741131

Seguici su Facebook

 

 

 

 

Vai all'inizio della pagina